Passa ai contenuti principali

SULLE DISTINZIONI FRA JAZZ-ROCK E FUSION

Il mio articolo sul jazz-rock nella webzine di Princefaster ha subito creato alcune perplessità, specie in chi non ha avuto la pazienza di seguirne il ragionamento.

Dopo anni in cui, al netto dei dischi di Miles Davis, avevo messo quella fase storica del jazz e dei suoi derivati, specie quella degli anni '80, nel dimenticatoio, mi era tornata la voglia di fare chiarezza e dare voce a un nuovo modo di rileggere quella musica (in particolare dopo la morte di Allan Holdsworth, etichettato dalla stampa specializzato come chitarrista "fusion").

Avevo vissuto direttamente quel periodo e ne conoscevo perfettamente i vari protagonisti ed è un fatto, che specialmente quelli anni '80, si siano praticamente dissolti come neve al sole negli anni successivi.
I protagonisti dell'era "fusion" restano nella memoria degli over 50 ex fans di quegli anni o nel bagaglio di qualche strumentista che ne studia il virtuosismo.




Mi era già chiaro allora che la "fusion" fosse un universo complesso nel quale erano stati infilati a forza protagonisti di altre stagioni.
Avevo consapevolezza della natura commerciale e del contenuto effimero di moltissimi prodotti, anche se conditi da qualità tecnica esecutiva.

Mi è sembrato opportuno, a distanza di anni, provare a fare il punto di quel periodo in una nuova ottica recuperando dall'oblio ottimi lavori dei due decenni, ma con le dovute distinzioni.

Il jazz-rock, con le sue affinità al prog, si è dimostrato un vasto contenitore di dischi da recuperare, la fusion degli anni '80 è stata, invece, un calderone nel quale abbondavano i prodotti ammiccanti e spensierati, moltissimi dei suoi protagonisti, sono rimasti volutamente nel dimenticatoio.

Bravissimi supertecnici produttori di melodie ruffiane adatte alle sale d'aspetto e agli ascensori sono premeditatamente fuori dalla mia playlist rievocativa.
Ciò non toglie che la loro abilità tecnica possa restare da riferimento per gli strumentisti contemporanei, quella resta fuori discussione.

http://www.princefaster.it/40-dischi-jazz-rock-fusion-imperdibili-viaggio-nella-con-fusion/



Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu