Passa ai contenuti principali

My Favourite Guitarists

Malgrado io suoni prevalentemente musica elettronica sono di base un chitarrista. Alcuni chitarristi sono stati per me fonte di ispirazione e ancora oggi sono per me dei riferimenti.


Though I mostly play electronic music I'm a guitarist. Some guitarists have been inspired by me and still are for me references today,

01 John McLaughlin
Ho molto apprezzato il suo stile contaminato, in particolare degli anni 70, fra musica indiana, jazz, rock e flamenco. Il suo modo cromatico di riprodurre i pattern ritmici delle tablas sono stati una rivoluzione. Le frasi nervose e i percorsi originali che esegue sulla tastiera sia della chitarra acustica che dell'elettrica lo caratterizzano già alla fine degli anni 60 dal terzinato classico del jazz e dal pentatonismo del rock.

02 Robert Fripp

I King Crimson sono un progetto che seguo da oltre 35 anni. Mi piacciono sia le note lunghe che i suoni saturi del Les Paul di Fripp. Capace di complessi intrecci ritmici, di improvvisazioni libere e di articolate parti scritte e pianificate al millimetro mentre sta sul palco con una posa artistocratica senza mai concedersi a coreografie inutili. Mi hanno colpito molto anche le sue sperimentazioni col Gr300 e i Frippertronics degli anni 80, un tentativo di far diventare la chitarra un sintetizzatore. 


03 Jeff Beck

E' il chitarrista che preferisco fra gli storici. Innovatore da sempre ha saputo includere il fraseggio e le legature dell'armonica e della voce del blues sulla chitarra. Ha un tocco spettacolare e un controllo sul vibrato straordinario.

04 Jimi Hendrix

E' quello che ha scritto il lessico della chitarra elettrica. Non solo note, ma suoni, rumori, feedback, inneschi all'interno di un linguaggio in cui il blues prende nuove direzioni. Non è mai stato in realtà un tecnico in senso accademico ma portatore di un modo di suonare sporco e rudimentale che ha saputo coniugare a quanto la chitarra rock aveva espresso fino a quel momento le possibilità sonore, timbriche, rumoristiche, atonali dell'elettricità. Inoltre un grande improvvisatore.


05 Terje Rypdal

Il chitarrista nordico per eccellenza. Capace di evocare i paesaggi innevati della Scandinavia scandendo il proprio suono distorto come quello di un violoncello. Il chitarrista che ha coniugato Hendrix al freejazz e a una concezione timbrica quasi sintetica. Frasi essenziali, di grande gusto melodico immerse nel reverbero, che spazializza il timbro della chitarra come fosse un organo. 

06 Adrian Belew

Il Fripp che nasce dalla new wave. Capacità innovative sotto il profilo timbrico, grande esecuzione di parti scritte, frasi atipiche e sbilenche, grande controllo dell'improvvisazione. L'impostazione di Hendrix applicata a un era in cui si affaccia l'elettronica alla chitarra.

07 Derek Bailey

Il devastatore per eccellenza. La chitarra come qualsiasi cosa ma non la chitarra. Generatore di rumori, si singhiozzi ritmici e frasi strozzate. Rivoluzionario del linguaggio, non ci sono solo note e scale. ma con un pò di ingegno può uscire di tutto.

08 Allan Holdsworth

Non solo un velocissimo. In realtà colui che ha disincagliato la chitarra dalle diteggiature e ha compreso che l'elettricità poteva emancipare anche dalle pennate. L'approccio sassofonistico e violinistico alla costruzione melodica del fraseggio della chitarra e l'applicazione di nuove regole armonico melodiche non solo allo strumento ma alla scrittura.

09 Frank Zappa

Il fraseggio di Zappa è unico. Si muove su schemi melodici e su acciaccature atipiche. Fermo su un accordo esplora i possibili cunicoli melodici delle scale. Le sue direzioni sono strane, non segue la logica più prevedibili. I suoi assoli sembrano ricavati facendo saltare alla puntina qualche solco, sono irrequieti. Il suono zanzaroso è unico, si riconosce all'istante.

10 Paolo Tofani

Il primo ad usare il guitar synth. Rock, jazz, medio oriente, free, sperimentazione, ha coniugato fra loro vari stili e generi. Fuori dagli schemi di qualsiasi modello di guitar-hero, in realtà ha aperto porte nuove alla sperimentazione della chitarra e alla sua contaminazione elettronica.



Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu