Passa ai contenuti principali

SignofSound with Entropia al Teatro Il Cantiere

Dopo il successo del live con Maurizio Giammarco al Brancaleone di Roma, lo scorso 2 febbraio, lo spettacolo SignOfSound torna nella Capitale sabato 23 febbraio al Teatro Il Cantiere (Via Gustavo Modena, 92 - zona Trastevere) con una nuova performance multimediale e multisensoriale che fonde 5 discipline artistiche - musica, pittura, danza, videoarte, recitazione - in una continua interazione creativa estemporanea.

Un frammento dello spettacolo: http://youtu.be/ScYBqK3Fq-k

SignOfSound:
Realizzato con il patrocinio dell'Accademia Nazionale di Danza e dell'Accademia delle Belle Arti di Roma, SignOfSound è frutto della ricerca che la pittrice e coreografa Fabiana Yvonne Lugli Martinez ha ideato a New York e sviluppato, a partire dal 2000, sul rapporto tra suono, movimento ed immagine.
Proprio a partire dalla sezione musicale - curata da Entropia - formazione storica della scena elettronica italiana composta da Amptek Alex Marenga e Dr. Lops - il progetto compie uno studio avanguardistico sulla danza che, in un contesto di bidimensionalità (laddove la danza è per sua natura in uno spazio tridimensionale), va ad interpretare e rappresentare visivamente il suono su una superficie pittorica da plasmare gestualmente proprio attraverso il movimento del corpo. Allo stesso tempo, ogni atto del corpo che genera una traccia pittorica, sollecita a sua volta un nuovo input sonoro.
SignOfSound indaga, dunque, tutte le modalità espressive di tale pittura gestuale, dando vita ad una performance in cui musica, danza e pittura, in continua comunicazione e trasformazione, coinvolgono lo spettatore in un flusso emotivo totalmente estemporaneo e viscerale.
La videoarte, sempre a cura di Entropia, ha il ruolo di cogliere gli istanti visivi di questa trasformazione creativa e costituirà un’ulteriore scenografia sul palco del Brancaleone.
Per questo live, SignOfSound si avvale delle due performer Valentina Buffone e Antonio Marino.



Da anni sulla scena romana, SignOfSound ha, nel tempo, coinvolto musicisti di grande talento nazionale e internazionale tra cui Gregoire Maret, Antonio Sanchez, Federico Peña, Gene Lake, Javier Girotto & Aires Tango, Michael Rosen, John B. Arnold, Luca Mannutza, Susanna Stivali ed è stato presentato in svariati contesti tra cui Teatro Sistina di Roma, Rush Arts Gallery di New York, Istituto Svizzero di Roma, Secret Project Robot a Brooklyn (NY), Casa del Jazz di Roma, Festival della Tuscia, La Palma Club di Roma, Viterbo Jazz Festival, Alexander Platz Jazz Club di Roma.

VIDEO
Short promo: http://www.youtube.com/watch?v=ScYBqK3Fq-k&feature=youtu.be



INFO SPETTACOLO
Sabato 23 febbraio ore 21
Teatro Il Cantiere Via Gustavo Modena, 92 Roma (Trastevere)
Ingresso € 5.

CONTATTI
Fiorenza Gherardi De Candei - Ufficio stampa SignOfSound
Phone: +39.328.1743236 (Italy)
E-mail: fiorenzagherardi@gmail.com
Web: www.fiorenzagherardi.com – www.signofsound.com



https://www.facebook.com/events/135109423322352/

Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu