Passa ai contenuti principali

Amptek: Worlds in Collision vol.2 (Eclectic)


Esce in questi giorni attraverso gli abituali canali virtuali di distribuzione in rete un nuovo lavoro di Eclectic Records, si tratta del secondo volume antologico di Amptek aka Alex Marenga chiamato "Worlds in Collision vol.2" (unreleased and rare tracks 1995-2003).


Lo scorso anno era stato pubblicato il primo volume che conteneva dei brani in bilico tra trip-hop ed electro-funk, con forti sbavature jazzrock, espressione di un periodo dei tardi anni 90 in cui Amptek aveva tentato la contaminazione fra il trip-hop e alcuni suoni davisiani.
Questa nuova raccolta include brani ancora precedenti, tutti remasterizzati e in alcuni casi remixati. Ci troviamo "Three Moons And Two Suns" visione sonora aliena prodotta con H501L dei Recycle, il primo brani di una collaborazione che si protrarrà per gli anni successivi sia a livello radiofonico che discografico.


Alcuni brani sono stati concepiti anche in epoche anteriori come "Home" o "Marinetti" e sfruttano strutture compositive particolarmente atipiche.
"Reality" venne scritto per la poesia di Remo Remotti "La Realtà" e per una serie complessa di ragioni il brano rimase inedito. "Dreamland" era una parentesi ambient già apparsa nella raccolta "Adventures in Eclectic Land". "The Zone" fu scritta come sigla della classifica della trasmissione di elettronica omonima di Radio Città Aperta di cui Amptek è stato fondatore.


Ma ascoltiamo direttamente l'autore in merito a questo lavoro:

D. Come mai questo titolo "Worlds in Collision" per queste raccolte?

R. Ancora il quadro complessivo non è chiaro, quando saranno usciti tutti i volumi sarà evidente come questi brani esprimano incursioni in territori sonori molto diversi, dalla techno industriale al jazzrock, dall'ambient al funky. Quindi ho dipinto il recupero di tutto questo materiale inedito o uscito soltanto in tirature molto limitate come coesistenza di mondi sonori molto diversi, in certi casi contrastanti. E' chiaro che producendo gli album ho tentato di accostare i brani più che cronologicamente per affinità stilistica.



D. Sono previsti altri volumi?

R. E' già pronto il volume 3 che conterrà i brani più dance e techno. Ci saranno i brani pubblicati in vinile su Eclectic e su Nature, grazie alla grande disponibilità e amicizia dimostrata da Marco Passarani. 

D. Come mai questa abbondanza di materiale?

R. Alcuni di questi brani sono usciti in piccola tiratura, ma molti sono effettivamente inediti. Il motivo è che li ho scritti nel momento di massima crisi del mercato discografico che danneggiò enormemente le piccole etichette indipendenti, dati i costi di produzione non indifferenti, pertanto fu difficile pubblicare certo materiale in tempo reale, fu un peccato, perchè si perse l'elemento di novità e freschezza che certi brani potevano avere.

D.C'è la prima collaborazione con Recycle
R. Si ricordo bene quell'episodio, realizzammo il lavoro nel mio home studio utilizzando strumenti ormai obsoleti. Il loop era gestito tramite un glorioso Ensoniq Mirage, un campionatore a 8 bit che dà al campione quel sapore lo-fi caratteristico, era per l'epoca uno strumento interessante anche per i suoi filtri analogici, i tappeti erano prodotti con Wavestation A/D e Yamaha TG55, mentre realizzavo le ritmiche in quel periodo con un sintetizzatore Yamaha per batteristi che si chiamava RM50, erano molto interessanti i risultati, i suoni non erano omologati alla serie TR della Roland erano più originali.
Il missaggio fu effettuato su DAT a 48Khz e il sequencer che usammo era un Cubase 3 per Atari.

D. CI sono altre cose ancora precedenti
R. In questo volume due ci sono brani che come scrittura musicale avevo inizialmente pensato suonati da strumenti acustici o elettrici e che successivamente arrangiai per suoni elettronici. La parti tematiche di "Home" o di "Marinetti" ad esempio le scrissi alla fine degli anni 80, ma ne realizzai solo alcuni anni dopo una versione elettronica. 
Si tratta di un viaggio attraverso produzioni che talvolta non sono riuscito a stampare perchè avulse dalla normale classificazione dei generi musicali, oggi dove la contaminazione sta esplodendo al massimo livello assumono un loro senso anche sul mercato

.

Commenti

  1. OUT NOW!!!!! an anthology of rarities and unreleased tracks by AMPTEK!!
    http://www.cdbaby.com/cd/amptek14

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu