Passa ai contenuti principali

BEN FROST Live@C(H)ORDE 28 gennaio 2012

BEN FROST Live@C(H)ORDE

Chiesa Evangelica Metodista di Roma
Via XX Settembre 123Rome, Italy

Suggestiva location per questa performance romana di Ben Frost. 
La Chiesa Evangelica Metodista di Roma si è rivelata come una struttura suggestiva e inaspettata, mostrando al pubblico le sue architetture sobrie e austere tipico riflesso della cultura protestante che si distanzia dal mondo cattolico, oltre che nell'assenza di immagini , per l'apertura culturale verso il mondo anche quello musicale.

L'artista australiano ha eseguito una performance ininterrotta di circa un'ora e mezza con l'ausilio di un computer e di una chitarra elettrica proponendoci una serie di tracce interconnesse tipiche del suo repertorio fatto di ambient noise, di strutture ritmiche essenziali e spezzate, di cellule melodiche e loop minimali, di sferzanti barriere di suono e di noises elettronici.
La successione dei brani è stata ovviamente un alternarsi di momenti di delirio timbrico a rarefatti momenti in cui prevalevano suoni discreti, per nella loro acredine timbrica, o loop ambientosi ma sempre solennemente dark.

Con la sua chitarra in feedback ha rafforzato le cortine elettroniche sferzanti che caratterizzano il suo sound, una musica che privilegia ondate di suoni al limite della distorsione, pochi strati essenziali di timbri digitali. 
Autore pubblicato dalla Bedroom Community, Frost rappresenta la nuova generazione degli artisti digitali, alieni dalle ritualità del rock o del post-rock, figli della manipolazione del suono attraverso i computer.

Sono più di venti anni che la nuova musica elettronica, quella figlia dell'ondata house techno di Chicago e Detroit della fine degli anni 80, imperversa nel mondo industrializzato, in paesi come l'Italia costretta nei pertugi dell'underground, le nuove generazioni di artisti formatisi sui dischi dei primi anni 90 è ormai presente nel mondo discografico e delle performance live e ci presenta i nuovi territori dell'esplorazione sonora.

Ben Frost è uno di questi, e per quanto si cerchino paralleli con il punk o il metal tentando di ricollegare tutto al rock, come questo fosse il magma primigenio di ogni cosa, si tratta di una forzatura assolutamente senza senso.

A valle della performance di Frost si sono esibiti Opium Child che malgrado una certa complementarità sonora dovuta ad un ampio uso della distorsione, si sono manifestati come il polo opposto dell'australiano. 
Laddove Frost era completamente interno alla manipolazione digitale del suo Apple gli Opium hanno invece utilizzato solo macchine analogiche, a discapito della stessa stereofonia producendo un sound oscuro e industriale, essenziale, semplice ma suggestivo.







Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu