Passa ai contenuti principali

ENTROPIA: Eclectic Surrealism



http://www.cdbaby.com/AlbumDetails.aspx?AlbumID=entropia4

Entropia, ensemble presente sulla scena dal 1996, ha al suo attivo innumerevoli lavori nei quali integra l'elaborazione elettronica del suono alla convergenza fra differenti influenze musicali. Il precedente segmento della ricerca sonora di Entropia si era soffermato sulle possibilità di riattualizzare in una modalità formale figlia dell’era del digitale una serie di idee musicali provenienti dalla colonna sonora italiana degli anni 70, accompagnata da una rimodulazione visiva di frammenti provenienti dalle pellicole originali deformate da uno sguardo personale espressione delle possibilità manipolative dell’immagine digitale disincagliate dall’originario contesto narrativo. Il fulcro dell’elaborazione visiva del periodo “cinedelico” di Entropia era la scomposizione del movimento e del colore. “Eclectic Surrealism” è il lavoro nel quale Entropia affronta l’esplorazione della dimensione del sogno e dell’inconscio attraverso un’interpretazione sonora di alcune realizzazioni visive del surrealismo e del dadaismo. I brani di questo lavoro, infatti, sono stati realizzati come colonne sonore di altrettante pellicole surrealiste firmate da alcuni dei più importanti autori dell’avanguardia dei primi anni del ventesimo secolo: Man Ray, Fernand Leger, Marchel Duchamp e Renè Clair.



Il ruolo di ricerca sul linguaggio cinematografico svolto dalle avanguardie durante il XX secolo ha forti affinità sulle direzioni che il linguaggio audiovisivo ha intrapreso nell’era del digitale. Mentre il cinema istituzionale, legato al sistema industriale, inaugurato dai Lumière, intraprendeva un percorso formale che lo legava alla dimensione narrativa e al realismo, le avanguardie ampliando le sperimentazioni già intraprese nell’era della cronofotografia si inoltravano in nuovi territori nei quali la cattura e la riproduzione del movimento erano connesse alla raffigurazione dell’invisibile e dell’impercettibile. Questi film sono frutto di un periodo in cui le avanguardie provenienti da altre forme espressive, letteratura, pittura, musica si propongono di destrutturare il linguaggio cinematografico attraverso i risultati perseguiti dalle innovazioni e dalle idee già messe in atto in queste altre forme artistiche. La rivoluzione digitale ha messo nuovamente in discussione le forme e i modi di espressione, produzione e fruizione del materiale audiovisivo, facendo riemergere alcune delle soluzioni ipotizzate nel pre-cinema analogico e dalle avanguardie storiche, in questa situazione di rivoluzione linguistica la musica elettronica trova in questi esperimenti un terreno limitrofo. “Eclectic Surrealism” si pone all’interno di questa dicotomia fra passato e presente, ove i linguaggi sperimentali di un secolo fa riescono a coesistere con le innovazioni espressive frutto dell’era digitale.


FILMs
Ballet mécanique (Fernand Léger) 1924
Anemic Cinema (Marchel Duchamp) 1926
Entr’acte (Renè Clair) 1924
Retour à la raison (Man Ray) 1923
L'Étoile de mer (Man Ray) 1928


ENTROPIA LINE UP:

Dr.Lops: keyboards
Alex Marenga aka Amptek: guitars, computer programming, synths
Emiliano Cappelli: basses
Biagio Orlandi: saxes
Marco MikMak Micheli: el.percussions

Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu