Passa ai contenuti principali

ENTROPIA: THE LAST ROUND

ENTROPIA: THE LAST ROUND

ENTROPIA

'The Last Round'
Label: Eclectic
Released: may 2011


Available on DIGITAL release & CD
CDBABY.COM

Cat no: e[CDR/FIL(020)]
eclecticroma.blogspot.com
www.eclectic.it
More infoz on CDBABY PAGE:


*THE LAST ROUND*


THE LAST ROUND è il nuovo lavoro della band di contaminazione elettronica  ENTROPIA. Ultimo capitolo di una trilogia nella quale il gruppo ha esplorato le sinergie fra alcuni aspetti della colonna sonora italiana del cinema di genere e l’elettronica.
Al contrario che in  “The Ultimate Eclectic Cinedelic Experience” del 2005 nel quale Entropia, in simbiosi con il recupero delle pellicole originali operato da alcune case di produzione cinematografiche, riproponeva alcuni temi del cinema poliziottesco degli anni 70 e in “Shockwaves” in cui rileggeva musiche del cinema horror italiano, in “The Last Round” la miscela sonora frutto di quegli esperimenti è al servizio di composizioni originali.
L’album si apre con”Hypotesis” un incalzante brano electro-funk con un tema dal sapore poliziottesco, ma poi si inoltra in vari territori contaminati, dal dub surrealista in “Mind Surgery”, all’ambient psichedelico di “Elementale”, al trip hop di “Why Not”, al funk di “Rubber Jungle”, fino alla minisuite electrofunk di “Kung-Fu Masters”.
“Calibro 12” è il soundtrack di un poliziesco immaginario, “Object du Design” evoca atmosfere alla “Dirty Harry”, “Jupiter, Beyond the Infinite” è un brano epico in cui riecheggia un certo prog-rock, “Weapons of Mass distraction” è un funk articolato e pungente, “Charmin Rapture” è un break beat con echi jazz rock, “Moment of Thuth” è un brano techno rock dal ritmo incessante.
Alcune composizioni  di “The Last Round”sono state realizzate per sonorizzare documentari e pellicole indipendenti, ma molti di questi brani sono frutto dell’elaborazione del repertorio proposto dal vivo in questi anni accanto ai brani rielaborati dei compositori di colonne sonore oggetto della rivisitazioni contenute in “Ultimate Cinedelic” e in “Shodckwaves”.


La formazione che ha realizzato il lavoro è la medesima di “Shockwaves”.

Line Up:
Dr.Lops: keyboards
Emiliano Cappelli: electric bass
Biagio Orlandi: saxophones
Marco MikMak Micheli: electronic drums, computer editing
Alex Marenga aka Amptek: guitars, synthesizers, computer programming



TRACKLISTING

01) HYPOTHESIS (MARENGA/LOPS)
02) MOMENT OF TRUTH (MARENGA)
03) WHY NOT (MARENGA)
04) RUBBER JUNGLE (MICHELI/LOPS/CAPPELLI)
05) CALIBRO 12 (MARENGA/MICHELI/LOPS/CAPPELLI)
06) MIND SURGERY (MARENGA)
07) CHARMIN’ RAPTURE (MARENGA/MICHELI/LOPS/ORLANDI/CAPPELLI)
08) ELEMENTALE (MICHELI)
09) OBJECT DU DESIGN (MARENGA)
10) JUPITER, BEYOND THE INFINITE (CAPPELLI/MICHELI/LOPS)
11) WEAPONS OF MASS DISTRACTION (MARENGA/LOPS)
12) KUNG-FU MASTERS (MARENGA/CAPPELLI)
MORE INFO


THE LAST ROUND on you tube:




Commenti

Post popolari in questo blog

Luigi Russolo: il profeta futurista della modernità

Luigi Russolo  (Portogruaro, Venezia, 1885 - Cerro di Laveno, 1947) è stato un pittore e un musicista di portata straordinaria, le cui idee hanno rivoluzionato l'universo estetico della musica tradizionale, anticipando di decenni e decenni mutazioni e trasformazioni sia nella musica classica che in quella popolare. La sua visione anticipava un'estetica del suono in cui i rumori del quotidiano assumevano il medesimo rilievo delle note emesse dagli strumenti tradizionali, arrivando a sostituirli in un nuovo alfabeto sonoro fondato sul rumore. Russolo, aderente al movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti, tentava la costruzione di un universo sonoro fondato sui rumori e sui suoni presenti nel mondo a lui contemporaneo. Il Movimento Futurista, attraverso la poesia sonora, la pittura, la scultura tentava di esaltare la modernità rappresentata dall'introduzione delle macchine nella vita quotidiana e l'esaltazione del dinamismo e del movimento. Luigi

Chitarra e synth, una riflessione estetica

Chitarra e synth, una riflessione estetica Nel recente articolo pubblicato da princefaster.com sulla storia della chitarra synth e dei suoi protagonisti abbiamo accennato anche ai risultati pratici dell’applicazione di questa tecnologia nei dischi realizzati da quando questa innovazione è stata introdotta. http://www.princefaster.it/la-lunga-storia-della-chitarra-synth-analisi-ed-evoluzione/ Riteniamo però opportuno un ulteriore approfondimento sul tema del suono sintetico nella popular music degli ultimi decenni. Il suono sintetico Cos’è il synth e cosa produce? Il sintetizzatore è l’assieme di moduli elettronici sviluppati nel corso del XX secolo connessi fra di loro al fine di produrre un suono mediante l’impiego di circuiti elettrici. Il rapporto fra suono ed elettricità si crea appena quest’ultima viene introdotta nella civiltà industriale. I pionieri delle prime macchine che emettono suoni mediante la sollecitazione di correnti elettriche anziché vibra

Amptek 2017 PLAYLIST

Questa playlist è apparsa sul sito di Prince Faster http://www.princefaster.it/i-migliori-album-del-2017/ e qui viene approfondita con maggiore dettaglio. Buon Ascolto. I 20 migliori dischi del 2017 Alessandro “Amptek” Marenga Aphex Twin –  London 03.06.17 [field day] (WARP, Wap 400)/ Korg_Trax_Tunings_For_Falling_Asleep (Korg)/ Orphans (Warp)/ Mt.Fuji Alla fine ancora lui. Dopo aver inondato la rete con centinaia di inediti AFX disarticola ancora una volta le logiche discografiche producendo fuori da qualsiasi schema e formato di mercato. Nel 2017 sono uscite tirature limitatissime in vinile, demo per tastiere Korg, remix e cassette fantasma dal Monte Fuji. Ancora una volta gioca con la scala temperata e i microtoni, le bassline sbilenche e i ritmi spezzati. Kraftwerk  – 3-D (Der Katalog) (Kling Klang) Iglooghost  – Neo Wax Bloom (2017) Floating Points  – Reflections – Mojave Desert (Pluto) Forest Swords  – Compassion (Ninja Tune) Ziur  – U Feel Anything (planet mu